Ultima modifica: 5 dicembre 2018

Qualità

Progetto Qualità

Il Progetto Qualità prende avvio nell’a.s. 2001–2002 con la partecipazione da parte di alcuni docenti, del D.S. e del D.S.G.A. ai corsi di formazione presso il Polo Qualità di Milano. In quest’ambito è stata definita la MISSION dell’Istituto Torno e sono state messe a punto strategie di analisi dell’efficacia e dell’efficienza del servizio offerto. Ma è dall’a.s. 2002–03 che ha inizio una più decisa attività di analisi della struttura organizzativa della scuola che ha permesso, con la guida di formatori del Consorzio Qualità Scuola di Milano, di delineare l’organigramma dell’istituto e di stendere il Manuale della Qualità e i suoi allegati, la raccolta delle Specifiche e delle Procedure.

Nel marzo 2003 il sistema è stato implementato e il nostro istituto ha così ottenuto, nel giugno 2003 la Certificazione ISO 9001:2000 per il seguente campo di applicazione: “Attività didattica educativa, finalizzata al rilascio del diploma di Scuola Secondaria di secondo grado in base ai curricula ministeriali e al progetto di sperimentazione globale. Attività di progettazione ed erogazione di servizi di orientamento in entrata, in itinere e in uscita”.

La certificazione di qualità è stata puntualmente confermata negli anni successivi alla luce dei processi e dei progetti educativi e formativi che garantiscono il continuo miglioramento del servizio.

Nel 2010 il Sistema di Gestione della Qualità è stato aggiornato secondo la nuova versione della norma ISO 9001:2008 e nel dicembre dello stesso anno l’istituto ha ottenuto la conferma della certificazione alla luce di una adeguata definizione, pianificazione e controllo delle attività comprese nel campo di applicazione dei sistemi di gestione. Nell’anno scolastico 2014-2015 entrando a regime la riforma dei nuovi ordinamenti scolastici il sistema di gestione della qualità ha ottenuto la ricertificazione per i seguenti campi di applicazione

  • Attività didattica educativa finalizzata al rilascio del diploma di Scuola Secondaria Superiore di secondo grado nei seguenti indirizzi:
    LICEALE: Liceo scientifico e Liceo delle scienze umane
    TECNOLOGICO: Costruzioni ambiente e territorio, Chimica e biotecnologie ambientali Chimica, Materiali e Biotecnologie articolazione Biotecnologie Sanitarie ECONOMICO: Amministrazione finanza e marketing e Relazioni internazionali per il marketing
  • Attività di progettazione ed erogazione di servizi di orientamento in entrata, in itinere e in uscita

Una ulteriore evoluzione delle procedure per la descrizione, la verifica e il miglioramento del servizio offerto agli utenti è stata determinata dall’entrata in vigore del DPR 80/2013 – Regolamento sul Sistema Nazionale di Valutazione (SNV), che ha trovato attuazione definitiva con la Direttiva n. 11 del 18/9/2014. L’Istituto con l’anno scolastico 2018/2019 ha così superato le procedure definite dalla norma ISO 9001 per affidare il controllo della qualità del servizio alle procedure definite dalla nuova normativa ministeriale. Questa ha disposto per tutte le Istituzioni scolastiche la redazione del Rapporto di Auto Valutazione (RAV), definito dal MIUR come uno strumento “composto da più dimensioni ed aperto alle integrazioni delle scuole, in grado di fornire una rappresentazione della scuola attraverso un’analisi del suo funzionamento e costituisce inoltre la base per individuare le priorità di sviluppo verso cui orientare il piano di miglioramento”. Il RAV risulta diviso in cinque sezioni: Contesto e risorse, Esiti, Processi, Processo di autovalutazione, individuazione delle priorità.

Dopo la Compilazione da parte del Dirigente Scolastico e dei docenti e non docenti del Nucleo di Valutazione, il RAV dell’Istituto è pubblicato dal 2015, con gli aggiornamenti annuali, in una apposita sezione del portale MIUR “Scuola in chiaro”. L’aggiornamento è riferito, in particolare alla formulazione e alla attuazione del Piano di Miglioramento (PDM). A partire dall’inizio dell’anno scolastico 2015/16 tutte le scuole (statali e paritarie) sono infatti tenute a pianificare un percorso di miglioramento per il raggiungimento dei traguardi connessi alle priorità indicate nel RAV

  • favorire e sostenere il coinvolgimento diretto di tutta la comunità scolastica, anche promuovendo momenti di incontro e di condivisione degli obiettivi e delle modalità operative dell’intero processo di miglioramento
  • valorizzare le risorse interne, individuando e responsabilizzando le competenze professionali più utili in relazione ai contenuti delle azioni previste nel PdM
  • incoraggiare la riflessione dell’intera comunità scolastica attraverso una progettazione delle azioni che introduca nuovi approcci al miglioramento scolastico, basati sulla condivisione di percorsi di innovazione
  • promuovere la conoscenza e la comunicazione anche pubblica del processo di miglioramento, prevenendo un approccio di chiusura autoreferenziale.

 




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi